Orario di visita: Lun | Sab 9.00 | 19.00
Chiama ora +393667441940

Cisti tendinee e articolari

Intervento alle cisti tendinee e articolari

Pur trattandosi di patologie differenti, le cisti tendinee e le cisti articolari riconoscono la stessa modalità di diagnosi e di terapia.
In ambedue i casi, infatti, si tratta di neoformazioni cistiche, cioè neoformazioni ripiene di liquido, che originano o dalla capsula articolare (cisti articolari) o dalla guaina dei tendini (cisti tendinee).
Possono essere localizzate al polso o alle dita e possono essere modicamente dolenti alla digito pressione, anche se questo non è un reperto costante.
Spesso il paziente riferisce delle modificazioni del volume della cisti, che può aumentare o diminuire in funzione delle modalità di utilizzo della mano.
L’esame clinico eseguito sul paziente deve trovare conferma con un esame ecografico che evidenzierà la cisti e fornirà indicazioni in merito alla sua posizione, alla natura del suo contenuto, oltre che alle sue dimensioni.

Preparazione all’intervento chirurgico

Di solito, sconsiglio questo intervento anche a tutte le donne che siano in gravidanza o in allattamento.
Per poter accedere all’intervento è necessario che la paziente abbia svolto tutti gli esami preoperatori e che questi abbiano dato regolare esito. Gli esami necessari sono rappresentati dagli esami ematici e dall’elettrocardiogramma.
Nel corso delle visite preliminari il paziente dovrà segnalare eventuali terapie, in particolare l’assunzione di farmaci cortisonici, di medicinali a base di acido acetilsalicilico come l’aspirina, l’assunzione di farmaci contraccettivi, anticoagulanti, antipertensivi o ipoglicemizzanti.
Si consiglia inoltre l’astensione dal fumo di sigarette nelle 4 settimane che precedono l’intervento chirurgico e per tutto il post operatorio. Il giorno prima dell’intervento è necessario fare un lavaggio completo e accurato del corpo, rimuovere lo smalto dalle dita delle mani e dei piedi e rimuovere anche eventuali piercing. È inoltre necessario un digiuno da alimenti solidi e liquidi di almeno otto ore prima dell’intervento.

Anestesia

L’intervento viene eseguito di solito in anestesia locale con una eventuale blanda sedazione o in anestesia di plesso brachiale.

Profilassi antibiotica

La profilassi antibiotica viene eseguita sempre.

Intervento

Indipendentemente dal fatto che si tratti di una cisti tendinea o di una cisti articolare, l’intervento viene eseguito attraverso una piccola incisione in corrispondenza della neoformazione cistica. Attraverso questa incisione, la neoformazione viene isolata e quindi asportata nel rispetto delle strutture vascolo-nervoso adiacenti.
L’intervento ha una durata di 20 minuti circa.

Decorso post operatorio

Dopo l’intervento si avverte un certo senso di dolore che può durare per 3-4 giorni.
La rimozione dei punti di sutura, quando presenti, avviene circa 10 giorni dopo l’intervento chirurgico. La doccia viene consentita dopo la rimozione dei punti di sutura.
Il ritorno ad una attività sportiva è consentito dopo 2-3 settimane.

Complicanze

Complicanze aspecifiche
  • Sanguinamento
  • Ematoma
  • Infezioni
Complicanze specifiche
  • Gonfiore, rossore
  • Persistenza o ricomparsa della neoformazione cistica (il tasso di recidiva locale è di circa il 20 %)
  • Alterata sensibilità cutanea

Risultati

Il trattamento chirurgico offre una completa risoluzione della problematica, anche se spesso lascia una cicatrice visibile.