Orario di visita: Lun | Sab 9.00 | 19.00
Chiama ora +393667441940

Fotoringiovanimento

Trattamento di fotoringiovanimento

Con il passare del tempo, la nostra pelle subisce dei cambiamenti nelle sue componenti strutturali; si riduce la capacità del nostro corpo di produrre collagene ed elastina.
Questo si manifesta con una modificazione delle caratteristiche della pelle che inizia a perdere tonicità e luminosità, diventando sottile, ma anche più secca e ruvida.  Seguono la comparsa di inestetismi quali rughe, anche profonde, alterazione del pigmento e quindi macchie cutanee.
Tra gli agenti responsabili di queste modificazioni ci sono numerosi fattori: alcuni intrinseci come l’invecchiamento fisiologico dei tessuti e altri estrinseci come l’esposizione ad agenti atmosferici e soprattutto al sole, il fumo di sigaretta e un’alimentazione non corretta.
La pelle però non è sempre uguale. Alcuni soggetti sono in grado di rispondere bene a questi impulsi, altri, al contrario, patiscono maggiormente queste sollecitazioni. Proprio per questo motivo, è sempre necessario un approccio personalizzato sia di diagnosi sia di terapia.

Tra i trattamenti a nostra disposizione, alcuni sono di pertinenza della medicina estetica come l’uso di biorivitalizzanti ascrivibili alla terapia medica rigenerativa, altri, come i lifting fanno parte della chirurgia plastica. Altri trattamenti molto utili possono essere effettuati con il laser che può essere ablativo o non ablativo.
Questi trattamenti presentano numerosi vantaggi. Si tratta di metodiche poco invasive e al contempo molto efficaci.

Il fotoringiovanimento attraverso l’uso di un laser non ablativo è spesso la prima scelta, poiché rappresenta una procedura tecnologicamente avanzata e non invasiva che garantisce un’importante stimolazione della cute e del sottocute. Questa metodica si effettua attraverso un raggio laser, quindi una luce monocromatica che fornisce al derma una stimolazione sotto forma di calore; di solito, la capacità di penetrazione della luce laser non supera i 2 mm.

Questo laser non induce un danno ma uno stimolo al quale il derma risponde.
In questo modo è possibile trattare la maggior parte delle problematiche, riducendo lo spessore delle rughe, migliorando la tonicità e la luminosità della pelle. Si assiste sempre ad un miglioramento immediato dopo il trattamento, che si enfatizza giorno dopo giorno esaltando la luminosità e la tonicità della pelle.

Quanto dura il trattamento

Il trattamento laser dura 15 minuti e ha un effetto immediato su macchie cutanee e alterazioni vascolari, l’effetto di foto ringiovanimento è invece apprezzabile in alcune settimane.
Solitamente vengono effettuati dei cicli di 4-5 sedute da effettuarsi ogni 3 settimane.
I vantaggi sono ovviamente tanti: il trattamento non richiede alcuna anestesia perché è generalmente indolore e il paziente può riprendere da subito le proprie attività quotidiane.
Questa metodica può inoltre essere associata ad altre pratiche di medicina estetica.
Al termine di ciascuna seduta la pelle si presenta leggermente arrossata, ma il rossore ha una durata transitoria e si risolve spontaneamente in brevissimo tempo.

Fotoringiovanimento con laser ablativo

L’uso di laser ablativi come il CO2 frazionato viene invece riservato per il trattamento di rughe cutanee profonde. In passato si ricorreva maggiormente all’erbium e al CO2, oggi ci si orienta verso dei laser frazionati il cui utilizzo è semplificato.

Questi laser hanno come bersaglio l’acqua contenuta all’interno delle cellule e sono in grado con una singola seduta di produrre un danno controllato della pelle, in particolar modo dell’epidermide e del derma papillare, attraverso un effetto fototermico.
Solitamente, quando usiamo i laser ablativi, può essere necessaria un’anestesia locale o in qualche caso, generale. I postumi sono piuttosto evidenti e anche il rischio di complicanze è più alto.

Però, quando ci troviamo di fronte a un invecchiamento cutaneo marcato, gli effetti del laser, soprattutto quelli a CO2, sono molto superiori rispetto a quelli ottenibili con i comuni laser frazionati.

Per le rughe profonde, come quelle del “codice a barre”, gli effetti del CO2 non sono paragonabili e risultano insostituibili.